ATTENZIONE! dichiarazione sulla privacy - GDPR
 
ad ora questo sito non fa uso di cookie, L'Aprisogni non registra preferenze o dati di navigazione di alcun tipo e pertanto non può cederli a terze parti.
 
 
ATTENTION! privacy - GDPR statement
 
at this time this site do not use cookies, L'Aprisogni do not register any type of preferences or navigation data and then cannot transfer it to third parts.

Chi siamo

"L'APRISOGNI", compagnia professionale di teatro di burattini e figura, nasce a Treviso nel 1992. I fondatori e le mani operanti sono Cristina Cason e Paolo Saldari; provengono entrambi dall’artigianato artistico e dall’insegnamento sperimentale e di ricerca.
 
Cristina allora insegna arte del tessuto e coltiva parallelamente una formazione multidisciplinare in tecniche corporee e, soprattutto, la passione per lo scrivere. Paolo, dopo il diploma ha aperto la sua bottega di scultore del legno, da sempre per lui materiale prediletto; la sua curiosità sensibile lo conduce però ad un’apertura poliedrica del fare che interessa molti materiali ed ambiti diversi.
 
Amano entrambi le vecchie case, i luoghi silenziosi, le sorprese.
 
Un destino complice li porta a realizzare per altri artisti baracche e figure ed ecco che la bottega parla: gli oggetti creati chiedono loro insistentemente di vivere e raccontare.
 
L’incontro con i burattini è stato fatale: entrambi cambiano vita e mestiere per dedicarsi ad essi a tempo pieno.
 
Le produzioni de "L’APRISOGNI" si muovono su due filoni: la reinterpretazione ironica di fiabe classiche e l’elaborazione innovativa di canovacci della Commedia dell’Arte e del teatro di burattini di tradizione.
 
La cura amorevole e l’attenzione all’indagine stilistica e storica sulle fonti vengono dedicate a tutte le fasi della produzione: scrittura del testo e drammaturgia, progettazione e costruzione delle figure e degli allestimenti, messa in scena e regia.
 
Ne nascono "creature teatrali" riconoscibili per la loro cifra stilistica particolare.
 
Il resto è viaggio, teatro, pensiero, divertimento, fatica e... curriculum.
L'intervista
Di seguito la bella intervista (a partire dal minuto 14:54) raccolta da Mario Bianchi critico di Eolo Ragazzi all'interno della manifestazione "Giù la Maschera 2019" organizzata dai bravissimi componenti di Ortoteatro di Pordenone.