Burattini di Sera... 2024

ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti
è possibile che più avanti si aggiungano altri spettacoli, non dimenticare di tornare a visitarci!
vuoi essere informato sulle nostre attività?
Scorri fino in fondo alla pagina e Iscriviti alla nostra mailing list!

martedì 11 giugno ore 10:30 Maerne di Martellago (Ve)
evento di chiusura anno scolastico con l'Associazione IPLA - Biblioteca Civica "G. Tronchin" piazza IV Novembre, 48
(in caso di maltempo: Sala del Centro Culturale - stesso luogo)
LO STRANO ESPERIMENTO DEL DOTTOR PINKERTON
Compagnia "L'Aprisogni" (TV)
 
Il dottor Erasmo Pinkerton, genio della medicina e studioso illustre, è all’opera nel suo laboratorio: sta sperimentando preparati dalle ricette complesse e dagli effetti prodigiosi.
 
Come accade spesso ai grandi uomini, egli è timidissimo, distratto e terribilmente smemorato. Tanto da aver completamente dimenticato la visita imminente della splendida Penelope, suo travolgente amore dai capelli rossi... che sta per arrivare accompagnata dalla terribile futura suocera Sidonia.
 
Come potrà il nostro Pinkerton convincere la vecchia arpia di essere lo sposo ideale per la formosa Penelope? Urge una medicina che lo renda affascinante, disinibito, sicuro di sé. Non gli manca neppure una cavia umana su cui sperimentarla! La casa è in disordine... c’è bisogno di una bella pulizia di fondo; allora chiama al telefono una ditta che gli risolva la situazione. Dopo poco si presentano gli addetti della ditta “LINDI & PINTI”; sono i fratelli Sisto e Miseria, famosi per le loro performances spericolate e disastrose. Di qui, sarà il caso di tenersi forte... ne succederanno di tutti i colori! Lo spettacolo si riallaccia al filone di ricerca ed innovazione intrapreso dalla Compagnia, con grande successo di pubblico, nel precedente spettacolo “IL CASTELLO DI TREMALATERRA”.
 
Un’idea classica, il filtro che trasforma, diventa l’alchimia di una commedia di spasso e ritmo travolgente. Dedicato con affetto al genio letterario di Robert Louis Stivenson.
 
martedì 18 giugno ore 21:00 Mareno di Piave (Tv)
giardino del Centro Culturale - piazza Municipio, 43
(in caso di maltempo: Sala del Centro Culturale - stesso luogo)
NASO D'ARGENTO
Compagnia "L'Aprisogni" (TV)
 
Anche l’Inferno ha bisogno di manutenzione: nell’ingresso, caccole di sorcio qui, schitti di gallina là, popò di drago negli angoli, … però i diavoli scapoloni che lo abitano non sono un granché, come casalinghe! Si sono giocati in una gara di puzzette il faticoso compito di fare le pulizie, ma Anacim, il perdente, se ne sta rintanato nella cassa preziosa che è la porta d’entrata ai gironi danteschi e ne esce solo con una manaccia pelosa dalle unghie adunche. Di darsi da fare con la scopa e il piumino proprio non ne vuol sapere. “Se vuoi qualcuno che ti accudisca, trovati un’odalisca!!!
Ma un’odalisca bisogna pagarla, e costa un botto… ma… una moglie, ecco, una moglie è la soluzione: lavora senza orario, è multitasking … e GRATIS!
Naso d’Argento incarica Anacim di ricercare su Tinder la candidata adatta: un tic tic tic tic tic tic sulla tastiera ed ecco, trovata!!! C’è una vedova, che fa la lavandaia e ha tre figlie in età da marito: Rosina, Gardenia e Begonia. In pratica, RGB.
Naso d’Argento parte alla conquista di una moglie, ma per non farsi riconoscere si traveste, cambiandosi la faccia con una maschera “umana” (beh, si fa per dire…) , quella del Barone Otto Von Stüben.
Ma le donne, come recita un antico adagio, ne sanno una più del Diavolo… e qui di donne ce ne sono ben quattro, e con armi segrete diverse!
Povero Naso d’Argento, ne vedrà, e ne sentirà sul groppone, di tutti i colori.
Il suo destino lo attende spietato dentro un gigantesco mucchio di mutande sporche da lavare, e chissà se mille anni gli basteranno…
Una fiaba di donne vincenti e di “poveri diavoli” perdenti. Una storia scoppiettante di comicità e misteri, un po’ “Streghe di Eastwick” e un po’ barzelletta della nostra infanzia “… c’erano un tedesco, un inglese e un francese…” E il nostro ringraziamento va a Italo Calvino, che amorosamente ha recuperato dall’antica tradizione favolistica italiana la traccia remota di questa narrazione e l’ha poi riscritta nel suo geniale, ironico stile.
 
domenica 30 giugno ore 21:00 Frescada di Preganziol (Tv) - Sagra di S. Giovanni Battista - Sagrato della Chiesa
via Due Giugno, 10
(in caso di maltempo: stesso luogo)
HANSEL E GRETEL NEL BOSCO DI CITTÀ
Compagnia "L'APRISOGNI" (Tv)
 
C’era una volta... anzi, stavolta, si dirà, una mamma, non molto tempo fa.
E il papà? No, il papà no.
In questa fiaba non si vede.
Vive da un’altra parte.
Al giorno d’oggi, succede...
E dunque questa mamma ha due figli: Hansel e Gretel, gemelli.
Abbastanza bravi e abbastanza belli.
E un lavoro senza orari, e pure con gli straordinari, e un cellulare che squilla, e un capufficio che strilla.
E poi la casa da sistemare, le spese da fare, le bollette da pagare, l’auto da riparare, la lavatrice da cambiare...
Avrete capito, insomma, che non ha un attimo di quiete, questa povera donna!
E così succede che lei, di frequente, dimentichi in giro i figli, fatalmente: a letto sotto le lenzuola, nel cortile della scuola, dietro il banco in libreria, sotto il ponteggio in carrozzeria, nel parcheggio del supermercato dopo avere il conto pagato.
I due bambini, ormai organizzati, usando il GPS son sempre rientrati.
Ma un giorno Hansel, giocando col telefonino, lo scarica del tutto, mannaggia, quel furbino!
Camminano, camminano, camminano insieme i due fratelli, e ormai fa buio e non si vedono cartelli.
Soltanto un grande bosco di città e un luogo sconosciuto, e in fondo in fondo in fondo un lumicin sperduto...
 
mercoledì 03 luglio ore 21:00 - spazio esterno Pro Loco - via A. Luciani Vallonto di Fontanelle (Tv)
(in caso di maltempo: stesso luogo)
CAPPUCCETTO ROSSO
Compagnia "L'Aprisogni" (Tv)
 
E chi non la conosce? E' la mamma di tutte le fiabe!
Proprio perché tutti la sanno, noi ci siamo presi delle licenze...
A partire dall'oleografia ottocentesca, percorrendo i sentieri del bosco e del sorriso all'angolo della bocca, potremo giungere a solidarizzare con il lupo... Attraverso una divertita, acidula reinterpretazione il gioco a “triangolo” fra la narratrice, il pubblico ed i burattini in baracca, farà nascere la magia sottile che può trasformare un testo letto nella “propria storia”.
E dunque: “C’era una volta... non ci sarà qualcuno di voi che ha paura del lupo cattivo, vero?
 
 
mercoledì 05 luglio ore 21:00 Roncade (Tv) - frazione Biancade - Chiesa Antica di San Cipriano, via Trento Trieste, 34
(in caso di maltempo: stesso luogo)
NASO D'ARGENTO
Compagnia "L'Aprisogni" (Tv)
 
Anche l’Inferno ha bisogno di manutenzione: nell’ingresso, caccole di sorcio qui, schitti di gallina là, popò di drago negli angoli, … però i diavoli scapoloni che lo abitano non sono un granché, come casalinghe! Si sono giocati in una gara di puzzette il faticoso compito di fare le pulizie, ma Anacim, il perdente, se ne sta rintanato nella cassa preziosa che è la porta d’entrata ai gironi danteschi e ne esce solo con una manaccia pelosa dalle unghie adunche. Di darsi da fare con la scopa e il piumino proprio non ne vuol sapere. “Se vuoi qualcuno che ti accudisca, trovati un’odalisca!!!
Ma un’odalisca bisogna pagarla, e costa un botto… ma… una moglie, ecco, una moglie è la soluzione: lavora senza orario, è multitasking … e GRATIS!
Naso d’Argento incarica Anacim di ricercare su Tinder la candidata adatta: un tic tic tic tic tic tic sulla tastiera ed ecco, trovata!!! C’è una vedova, che fa la lavandaia e ha tre figlie in età da marito: Rosina, Gardenia e Begonia. In pratica, RGB.
Naso d’Argento parte alla conquista di una moglie, ma per non farsi riconoscere si traveste, cambiandosi la faccia con una maschera “umana” (beh, si fa per dire…) , quella del Barone Otto Von Stüben.
Ma le donne, come recita un antico adagio, ne sanno una più del Diavolo… e qui di donne ce ne sono ben quattro, e con armi segrete diverse!
Povero Naso d’Argento, ne vedrà, e ne sentirà sul groppone, di tutti i colori.
Il suo destino lo attende spietato dentro un gigantesco mucchio di mutande sporche da lavare, e chissà se mille anni gli basteranno…
Una fiaba di donne vincenti e di “poveri diavoli” perdenti. Una storia scoppiettante di comicità e misteri, un po’ “Streghe di Eastwick” e un po’ barzelletta della nostra infanzia “… c’erano un tedesco, un inglese e un francese…” E il nostro ringraziamento va a Italo Calvino, che amorosamente ha recuperato dall’antica tradizione favolistica italiana la traccia remota di questa narrazione e l’ha poi riscritta nel suo geniale, ironico stile.
 
venerdì 05 luglio ore 21:00 Morgano (Tv) - bosco di Casa Respiro - via Munara, 4
(in caso di maltempo: stesso luogo)
ARLECCHINO CAVADENTI
Compagnia "L'Aprisogni" (Tv)
 
 
Orazio, figlio del vecchio Pantalone, è innamorato della giovane e seducente Isabella. I due si dichiarano ardentemente l'intenzione di convolare a nozze nel più breve tempo possibile. Pantalone ha messo gli occhi lui pure sulla bella dama e delibera, da se solo, di sposarla. Per avere campo libero, decide di spedire immediatamente Orazio a "studiare" in una lontana città. Pantalone chiama Brighella e gli comunica le sue intenzioni; ne nasce un'acerba discussione durante la quale il padrone maltratta ed alla fine morde violentemente il proprio servo ad un braccio. Brighella, dolorante ed inviperito, considera che il padrone azzanna come un cane e... da qui costruisce una beffa sopraffina coinvolgendo Arlecchino, Balanzone ed Orazio. Ci si mette anche Isabella, che ha conoscenza delle arti magiche... "quello che poscia ne succedesse, dal concludere della favola si conoscerà".
 
mercoledì 10 luglio ore 21:00 - spazio esterno S. L. Murialdo - via Ongaresca, 71 - Fontanellette di Fontanelle (Tv)
(in caso di maltempo: stesso luogo)
LA STREGA DELL'ACQUA E IL BAMBINO DI CICCIA
Compagnia "Ortoteatro" (Pn)
 
“Mia nonna d’estate mi portava in vacanza in montagna e io sognavo il mare. Allora quando il sole scottava, chiedevo alla nonna di fare un bel bagno al fiume, o nei bei torrenti che circondavano la nostra casa. Lei immancabilmente mi diceva allarmata: “No! Non farlo. Non sai che in quelle acque ci vivono le Agane?” “E chi sono le Agane?” chiedevo io. “Sono delle donne malvagie che vivono e comandano le acque. Guai ad avere a che fare con loro”.Così, grazie ai racconti della nonna sono diventato esperto di Agane, di streghe e di creature dei boschi!”
 
In questo spettacolo, che prosegue il percorso sull’arte del conta-storie intrapreso da Fabio Scaramucci e Fabio Mazza con successo sempre crescente, si racconta la storia della bella Caterina e del perché le Agane sono entrate nei corsi d’acqua; la storia del giovane Tarcisio che si innamora di una donna un po’ speciale; del piccolo Martino che si imbatte in una strega/agana che trasforma i bambini in coniglietti. E poi ci sono gli Orcul, il Mazzarot, e tutte le atmosfere antiche di quando l’ascoltare una storia era magia, paura e gran divertimento. Come allora, quando nelle stalle si riunivano le famiglie per ascoltare i vecchi narratori, i conta-storie di oggi sapranno coinvolgere il pubblico di tutte le età.
 
mercoledì 17 luglio ore 21:00 spazio esterno al Municipio - piazza G. Marconi, 1 - Fontanelle (Tv)
(in caso di maltempo: Sala Polivalente di via Kennedy)
L'ACQUA MIRACOLOSA
Compagnia "I Burattini della Commedia" (Mo)
 
Sandrone e Sgorghiguelo vengono scambiati per eminenti guaritori dal capitano Cuerno de Cornazzon inviato da Zulim, re di Persia, a cercare chi possa guarire il principe Zemiro vittima di un incantesimo della strega Morgana.
Due finti medici nella corte di Persia! I nostri eroi ne combinano ovviamente di tutti i colori e la guarigione può avvenire solo attraverso un’acqua miracolosa contenuta in un misterioso pentolino appartenuto a Morgana.
C’è anche lo zampino del diavolo e… il mistero si infittisce.
 
giovedi 25 luglio ore 21:00 Oratorio di Lutrano (vicino alla sede dell'Associazione "La Fonte") Via Roma, 507/A Lutrano di Fontanelle (Tv)
(in caso di maltempo: stesso luogo)
TRANSILVANIA CYRCUS
Compagnia "Teatro delle 12 Lune" (Fi)
 
Misteriose e strane creature formano la compagnia del Transylvania Circus. Uomini drago che sputano fuoco, fantasmi acrobati, un malinconico licantropo capace di camminare in equilibrio sulla luna e poi lei, la stella dello spettacolo, l' affascinante donna vampiro, che si esibirà nell'arte del trasformismo. Ma un suono sinistro distrae gli artisti di questo oscuro circo, è il battito di un cuore, nessuno sa spiegarsi da dove mai arrivi quel battito. Forse l'amore è capace di risvegliare anche i cuori di creature senza vita come loro? O forse quel battito sarà il vostro.
Ma non temete Signori, gli artisti del Transylvania Circus sono tutt'altro che pericolosi e se il vostro cuore batterà, non sarà per la paura!
 
giovedì 29 agosto ore 20:30 Silea (Tv)
Parco Dei Moreri via Giuseppe Mazzini
(in caso di maltempo: aula magna della scuola media - via Tezze, 3)
ROCLÒ
Compagnia "Claudio e Consuelo" (Cn)
 
Roclò è un vecchio termine piemontese; sono le cose inutili e ingombranti, ormai vecchie e destinate alla spazzatura.
Sono roclò gli oggetti che i due protagonisti trovano ammucchiati disordinatamente sulla scena ma che porteranno gli spettatori verso luoghi incantati, perché anche l'oggetto più umile, un flacone di detersivo, una scopa, un ombrello ha in sé la capacità di raccontare storie piene di meraviglia.
Ronnie e Camilla, figure clownesche il cui compito “ufficiale” è quello di sgomberare il teatro dall'immondizia, attraversano con gli occhi del clown le storie di tutti gli oggetti che incontrano, trasformandoli e utilizzandoli come curiosi insoliti strumenti per eseguire brani musicali, giocolerie, numeri di destrezza e altre divertenti diavolerie.
Così, da un’apparente confusione e da un susseguirsi di divagazioni, la musica, il racconto, la fantasia, l’arte del gioco e della giocoleria restituiranno ad ognuno degli oggetti rifiutati la dignità e la ragion d’essere, l’anima che gli permette di prolungare la propria vita prematuramente abbattuta dalla sindrome del consumismo, l’agente patogeno responsabile di inquinamenti ambientali e mentali.
E sul finire non ci sarà più il caos ma ritroveremo tutto quanto ben ordinato a far parte di un museo della fantasia, in un salottino in cui gli oggetti “buttati via”, saranno ordinati in bella mostra sugli scaffali e dove i ragazzi saranno perfettamente a loro agio avendo conosciuto, attraverso il teatro, le loro storie.
 
domenica 01 settembre ore 20:30 Merlengo di Ponzano (Tv)
via San Bartolomea
(in caso di maltempo: stesso luogo)
CAPPUCCETTO ROSSO
Compagnia "L'Aprisogni" (TV)
 
E chi non la conosce? E' la mamma di tutte le fiabe!
Proprio perché tutti la sanno, noi ci siamo presi delle licenze...
A partire dall'oleografia ottocentesca, percorrendo i sentieri del bosco e del sorriso all'angolo della bocca, potremo giungere a solidarizzare con il lupo... Attraverso una divertita, acidula reinterpretazione il gioco a “triangolo” fra la narratrice, il pubblico ed i burattini in baracca, farà nascere la magia sottile che può trasformare un testo letto nella “propria storia”.
E dunque: “C’era una volta... non ci sarà qualcuno di voi che ha paura del lupo cattivo, vero?
 
martedì 03 settembre ore 21:00 Summaga di Portogruaro (Ve)
festa del GREST per famiglie - Estate Ragazzi - Corte Abbaziali Don Pietro Marson, via Richierio, 1
(in caso di maltempo: stesso luogo)
LA LAMPADA DI ALADINO
Compagnia "L'Aprisogni" (TV)
 
 
"Tanti anni fa, in un paese lontano, lontano, al di là di sette mari c'era un deserto giallo...
Dentro una caverna buia (e puzzolente) due loschi individui consultano una sfera fatata.
Le sfortune e le fortune del ragazzo Aladino hanno inizio qui, il gioco che lo lega alla lampada dei desideri si dipana lungo tutto il racconto..."
Il bel testo letterario è stato rielaborato con pieno spirito burattinesco, senza appendici "melassose", in oscillazione fra il mistero e gli aspetti quotidiani. Quelli del- la vita che si muove e parla dentro e fuori la porta di casa; il tutto ben condito di ironia!
In fin dei conti Aladino potrebbe essere te, o lui, o lei o... me. Chi non ha desideri? E se si potessero realizzare? Come?
Ve lo diremo...
 
giovedì 05 settembre ore 20:30 Silea (Tv)
Parco Dei Moreri via Giuseppe Mazzini
(in caso di maltempo: aula magna della scuola media - via Tezze, 3)
IL PRINCIPE RANOCCHIO
Compagnia "Roggero" (Va)
 
 
Chi non conosce questa splendida fiaba, metafora dell’invincibilità  dell’amore e della sua imprevedibilità? Lo spettacolo è una reinterpretazione in chiave comico/moderna della celebre storia. Momenti come l'intermezzo pubblicitario o la conversazione telefonica tra i personaggi ironizzano su alcuni aspetti della vita contemporanea. La particolare scenografia baracca a sorpresa rappresentante il castello di Re Barbarussa subisce piccole trasformazioni durante la rappresentazione. Il ranocchio pasticcione, dopo varie peripezie, conquisterà la giovane principessa con l’aiuto del burattinaio. Svariati temi musicali composti appositamente per lo spettacolo ne accompagnano lo svolgimento.
Burattini e pupazzi sono di qualità straordinaria, teneri e divertenti insieme.
E magici... vedrete! Preferite uscire dalla serata principi o ranocchi?
 
La tua iscrizione non può essere convalidata.
Ti abbiamo inviato una mail per confermare l'iscrizione. Senza la conferma l'iscrizione non sarà valida (come previsto dal GDPR).

Newsletter

Abbonati alla nostra newsletter e resta aggiornato.

Utilizziamo Brevo come nostra piattaforma di marketing. Cliccando qui sotto per inviare questo modulo, sei consapevole e accetti che le informazioni che hai fornito verranno trasferite a Brevo per il trattamento conformemente alle loro condizioni d'uso