item18

Arlecchino CavadentiOvvero la pozione prodigiosa, con Pantalone tiranno beffato

 

2° classificato con votazione della giuria popolare al Festival Intrenazionale del Teatro per Ragazzi "I Teatri del Mondo" di Porto S. Elpidio (AP) ed. '98.

 

  • LocandinaCavadentiProduzione: “L’APRISOGNI”
  • Di e Con: Paolo Saldari
  • Regia: Cristina Cason
  • Allestimento: “L’APRISOGNI”
  • DURATA: 50 minuti circa
  • FASCIA D’ETÀ: da 5 a 100 anni
  • TECNICA: burattini a guanto in legno scolpito e dipinto in baracca
  • ESIGENZE TECNICHE: spazio sul piano m. 4x4; altezza minima m. 2,70; 3 Kw; 220 volt; buio consigliabile ma non indispensabile; pubblico a sedere ad almeno m. 3 di distanza; montaggio 2 ore, smontaggio 1 ora

NOTE DI REGIA:

la rielaborazione drammaturgia per Teatro di Burattini di un canovaccio della Commedia dell’Arte Veneta è un viaggio complesso ed affascinante.

La traccia teatrale originaria è "costruita" per il corpo dell’attore e suggerisce una partitura di voce umana ed arti di carne. Le "teste di legno", con i loro codici espressivi caratteristici, sono all’attore vicine e lontanissime. Di qui il gioco con grandi possibilità e libertà che la "tessitura" secentesca di Scala ci ha consentito.

 

LA STORIA:

l’intreccio è dei più classici: Orazio, figlio di Pantalone, ama, riamato, la giovane nobile Isabella. Pantalone, vecchio barbogio con velleità da dongiovanni, messi gli occhi sulla bella ragazza decide, per suo conto, di sposarla. Di questa intenzione mette a parte il suo servo Brighella. Ne nasce un’acerba discussione, durante la quale Pantalone morde il servitore ad un braccio. Questi, dolorante ed inviperito, progetta vendetta e coinvolge Arlecchino, il dottor Balanzone ed Orazio. Isabella ci si mette con la sua conoscenza delle arte magiche.

Uno spettacolo divertentissimo in un teatrino barocco abitato da splendidi burattini raffinatamente scolpiti e preziosamente vestiti.

 

PERSONAGGI IN ORDINE DI APPARIZIONE:

  • Isabella: naso parigino, gran bella figliola e che caratterino!
  • Orazio: amoroso bello ed intelligente quanto uno zucchino in primavera.
  • Brighella: grande architetto di intrighi, con scrupoli scarsissimi; se strapazzato, diventa assai pericoloso.
  • Pantalone: tirannico capo di casa, vecchiardo e pi˘ tirchio di uno scozzese in miseria.
  • Il dottor Balanzone: roseo e cordialone, sempre disposto alla burla, all’occasione!
  • Arlecchino: alias gran chirurgo cavadenti, barbiere e ciarlatano. Pronto a tutto "basta il denaro in mano".
L'Aprisogni  Teatro di Burattini
Cod. Fisc e P. IVA

via Luigi Sartori, 3 -

Home