ATTENZIONE! dichiarazione sulla privacy
 
ad ora questo sito non fa uso di cookie, L'Aprisogni non registra preferenze o dati di navigazione di alcun tipo e pertanto non può cederli a terze parti.
 
 
ATTENTION! privacy statement
 
at this time this site do not use cookies, L'Aprisogni do not register any type of preferences or navigation data and then cannot transfer it to third parties.

23ยช Rassegna di Teatro di Burattini e Figura "Andrea Cason" a Treviso

giovedì 18 luglio ore 21:00 via Sant'Elena Imperatrice - Quartiere Monigo
area della parrocchia
(in caso di maltempo: salone parrocchiale)
IL RAPIMENTO DEL PRINCIPE CARLO
Compagnia "Teatro del Drago" (Ra)
 
La storia inizia alla reggia di un vecchio re a cui e' stato rapito il figlio. Viene dato ordine ai servi e ai soldati di andare a cercare il Principe Carlo in tutte le terre del regno; alla ricerca parte anche Fagiolino aiutato dai consigli della vecchia Fata Circe. Presto lo trova nel bosco della Rogna nelle mani del terribile e potente brigante Spaccateste e del suo gigante. Fagiolino dopo un lungo duello bastona senza pietà i cattivi e riporta sano e salvo il Principe Carlo a suo padre il re. In onore di Fagiolino sarà fatta una grande festa.
 
venerdì 26 luglio ore 21:00 via Sant'Ambrogio - Quartiere Fiera
sagrato della Chiesa
(in caso di maltempo: sala dell'Oratorio MAX. 50 POSTI!)
IL TRONO INCANTATO
Compagnia "La Casa degli Gnomi" (Pd)
 
"Il trono incantato" è uno spettacolo di burattini con cantastorie o uno spettacolo di cantastorie con burattini? Questo dualismo non si pone in quanto questa rappresentazione è essenzialmente un gioco; un gioco teatrale, un gioco di trasformazioni che usa vari linguaggi: l'oggetto animato, il burattino, le marionette animate a vista, la musica, la voce...
 
"Il trono incantato" è un mondo di sogni che usa la realtà, che trasforma le cose quotidiane e giocando con le parole dimostra che nel "mondo incantato" c'è un posto per tutti.
 
"Il trono incantato" è anche un omaggio a Bruno Bettelheim e al suo "mondo incantato".
 
L'impianto scenico dello spettacolo ruota attorno ad un grande trono che è in realtà il prezioso scrigno contenente i segreti di folletti, gnomi, angeli, diavoli. Si anima per incanto, farcito con curiosi giochi di parole, si trasforma di volta in volta, fino a diventare un nascondiglio segreto o la torre di un castello dove si recita una farsa per burattini.
 
giovedì 01 agosto ore 21:00 V.le Brigata Treviso 25 - Lab-Oratorio Parrocchia - Quartiere S. M. del Rovere
giardino dell'Oratorio
(in caso di maltempo: stesso luogo)
SISTO, MISERIA E LA CREATURA DUE punto ZERO
Compagnia "L'APRISOGNI" (Tv)
 
Il dottor Pinkerton e la sua splendida moglie Penelope si accingono a trasferirsi nella casa che hanno appena acquistata all’asta. Lo stabile è vecchio e tetro, ma i giovani sposi progettano di risistemarlo: con qualche lavoretto si trasformerà nel loro nido d’amore! Una telefonata della vecchia madre ipocondriaca allontana però Penelope dal trasloco; Pinkerton si troverà così ad affrontare la situazione unicamente con l'aiuto del giardiniere Sisto e del cuoco Miseria. Pasticcioni e litigiosi come sono, i due combinano un monte di guai e si bastonano in continuazione. Pinkerton, genio dell'ingegneria genetica, estenuato da questi comportamenti, fantastica di costruire il burattino "perfetto", intelligente, carismatico, che reciti con voce impostata: la Creatura 2.0. Si chiude nel suo laboratorio e dà inizio all'audace progetto. Ma ecco che ritorna, dopo un sabba durato mille anni, la strega, vera proprietaria della casa. Una spericolata giostra di situazioni travolgerà i personaggi e farà decollare nella comicità più irresistibile lo spettacolo verso un lieto fine inaspettato e rutilante. Un "FRANKENSTEIN" burattinesco e demenziale, come mai ve lo sareste immaginato!
 
lunedì 05 agosto ore 21:00 via Papa Leone III - Quartiere S. Angelo
prato della Pro Loco
(in caso di maltempo: salone delle feste della Pro Loco - stesso luogo)
AL DI LA' DAL MARE
Compagnia "Ortoteatro - Walter Broggini" (Pn - Va)
 
L’uomo sulla spiaggia scruta l’orizzonte e immagina  luoghi lontani, pervaso da quel  desiderio di scoprire l’ignoto che esiste da quando esiste l’umanità e che ci rende nomadi, in un continuo andare e venire, come incessante è l’onda del mare che va e viene sulla spiaggia. Poi l’uomo si appisola e la sua immaginazione segue la corrente. Inizia così un viaggio alla scoperta di luoghi indefiniti e misteriosi, nei quali incontrare altre culture, altri stili di vita, altri valori, usi e costumi. Un viaggio di conoscenza e di condivisione, in cui scambiarsi cibo, per il corpo e per la mente.
Il vagare onirico diventa occasione per raccontare piccole storie, divertenti e bizzarre, narrate ognuna in modo diverso, miscelando narrazione, burattini, marionette e pupazzi; una varietà di tecniche d’animazione che fa il paio con la varietà di incontri e di racconti che l’uomo della spiaggia farà nel suo peregrinare via mare.
 
venerdì 09 agosto ore 21:00 Loggia dei Cavalieri - centro storico
(in caso di maltempo: stesso luogo)
LA GRANDE SFIDA FRA IL RICCIO E LA LEPRE
Compagnia "Teatro Glug" (Ar)
 
C’era una volta una famiglia di ricci. Il signor riccio, di nome Poldo, non si augurava altro che riposare sul suo morbido cuscino; però c’era anche sua moglie Polda, che gli chiedeva un favore dopo l’altro e senza parlare dei figli, tre piccoli scatenati che gli combinavano sempre guai. Come se ciò non bastasse un bel giorno arrivo’ anche un nuovo vicino, una lepre di nome Zig Zag, pluripremiato, vincitore delle gare sportive più famose del mondo e insopportabilmente arrogante. Allenamenti dalla mattina alla sera  senza sosta e prima di rendersene conto anche Poldo si trovo’ coinvolto e nonostante ci mettesse tutta la sua buona volontà’, la lepre continuo’ a prenderlo in giro per la sua poca prestanza fisica e per le sue gambe corte. Fu così’ che il signor Poldo fece assaggiare al signor Zig Zag i suoi aculei.... La lepre, terribilmente offesa, sfido’ il riccio in una corsa lunga, fino al capanno del bosco, mettendo in gioco il suo onore e le sue medaglie. Precipitosamente il riccio accetto’ questa sfida che non avrebbe mai potuto vincere ma  è vero che la lepre ha le gambe agili, il riccio ha la mente veloce e soprattutto una grande famiglia...
Insieme escogitarono un trucco tanto semplice quanto sicuro. Iniziarono così’ i preparativi: la lepre si alleno’ tutta la notte mentre i piccoli decorarono il campo di gara e la signora Polda scelse il vestito più bello. Ma cosa stava intanto preparando il signor riccio? E dopo una lunga notte si diede inizio alla grande sfida tra il riccio e la lepre...